Gli Enti del Polo del ‘900

Anno di nascita: 1970

ANCR
ARCHIVIO NAZIONALE CINEMATOGRAFICO DELLA RESISTENZA


Fondato da Paolo Gobetti e Franco Antonicelli
Negli anni l’ANCR ha raccolto un patrimonio prezioso di film documentari sulla Resistenza, la guerra, la Deportazione e su altre vicende cruciali del ‘900, arricchito da una vasta biblioteca specialist ica. Forte è anche l’attenzione al tema della memoria con la raccolta di video interviste a protagonist i della storia contemporanea e intensa la produzione di documentari e l’organizzazione di rassegne su temi storici e civili.

Vai al sito

Anno di nascita: 1919

ANCR
ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMBATTENTI E REDUCI


Fondata dai reduci della Grande Guerra.
Oggi è formata dagli ex combattenti del Secondo Conflitto Mondiale, dai loro familiari e dai soci simpatizzanti. L’associazione, ora Ente Morale, si impegna nella testimonianza della memoria dei caduti in guerra. L’obbiettivo dell’associazione è di
poter rappresentare i sacrifici e gli eroismi dei combattenti, custodendo la memoria storica e preservandola intatta per le nuove generazioni.

Vai al sito

ANED
ASSOCIAZIONE NAZIONALE EX DEPORTATI NEI CAMPI NAZISTI


Associazione Nazionale Ex Deportat i nei campi nazist i, afferma e persegue i valori di libertà, giustizia e pace, test imoniando attraverso l’esperienza dei sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti, e una vasta documentazione, l’unitarietà e verità della storia della memoria antifascista, ponendosi l’obiettivo di dar voce e rappresentanza a tutti coloro che per questi valori hanno sofferto e hanno dato la vita. Scopo dell’Associazione è di valorizzare il contributo di deportate e deportati alla costruzione di un Paese libero e democratico, dove sia data concreta attuazione ai principi della Costituzione repubblicana, nella speranza che il futuro sia memoria e non destino.

Vai al sito

Anno di nascita: 1945

ANPI
ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D'ITALIA


L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ha lo scopo di riunire in associazione tutti coloro che hanno partecipato con azione personale diretta, alla guerra partigiana contro il nazifascismo, per la liberazione d’Italia, e tutt i coloro che, lottando contro i nazifascisti, hanno contribuito a ridare al nostro paese la libertà e a favorire un regime di democrazia, al fine di impedire il ritorno di qualsiasi forma di tirannia e di assolutismo; a concorrere alla piena attuazione, nelle leggi e nel costume, della Costituzione Italiana, frutto della Guerra di Liberazione, in assoluta fedeltà allo spirito che ne ha dettato gli articoli e a dare aiuto e appoggio a tutti coloro che si battono, singolarmente o in associazioni, per quei valori di libertà e di democrazia che sono stati fondamento della guerra partigiana e in essa hanno trovato la loro più alta espressione.

Vai al sito

Anno di nascita: 1946

ANPPIA
ASSOCIAZIONE NAZIONALE PERSEGUITATI POLITICI ITALIANI ANTIFASCISTI


L’Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, nasce nel 1946 per volontà di coloro che furono perseguitat i dal regime fascista, dalla sua instaurazione fino alla sua caduta. Dato fondamentale dalla nascita dell’Associazione ad oggi è il riconoscersi nei valori dell’Ant ifascismo. La sede di Torino promuove conferenze sulle tematiche antifasciste, ricerche storiche sul ‘900, interventi nelle scuole mirati alla conoscenza della opposizione al fascismo, della Resistenza armata e della Costituzione repubblicana, alla cui stesura parteciparono i fondatori dell’ANPPIA, tra i quali Sandro Pertini e Umberto Terracini.

Vai al sito

Anno di nascita: 1947

ANVGD
ASSOCIAZIONE NAZIONALE VENEZIA GIULIA DALMAZIA


L’Associazione è nata dopo il Trattato di Pace di Parigi del 10 febbraio 1947 con lo scopo e gli obiettivi di “Rinnovare e conservare la memoria della tragedia degli Italiani e di tutte le vittime delle Foibe”.
La Legge 30 marzo 2004 n.42 ist ituisce il Giorno Del Ricordo delle Foibe e dell’Esodo degli Istriani – Fiumani-Dalmati dalle loro terre.

Vai al sito

Anno di nascita: 1948

AVL
ASSOCIAZIONE VOLONTARI DELLA LIBERTA' PIEMONTE


L’Associazione Volontari della Libertà del Piemonte ha parte della Federazione Italiana Volontari della Libertà costituita da Enrico Mattei. E’ nata per riunire i resistenti di tutte le formazioni fedeli agli ideali di Libertà e Democrazia per i quali si immolarono tanti italiani. Ricordarli e tramandarne la Fede e i Valori alle nuove Generazioni è il nostro principale impegno.

Vai al sito

Anno di nascita: 2008

CENTRO INTERNAZIONALE DI STUDI PRIMO LEVI


Vai al sito

Anno di nascita: 1961

CENTRO STUDI PIERO GOBETTI


Fondato da Ada Prospero, Paolo e Carla Gobetti insieme ad alcuni amici di Piero
Da allora, il Centro studi Piero Gobetti lavora per far conoscere la storia dell’antifascismo e la cultura italiana del ‘900. Piero e Ada, Norberto Bobbio, Alessandro Galante Garrone e Bianca Guidetti Serra: attraverso le loro biblioteche e i loro archivi personali, le voci del Centro raccontano un passato presente, storie di ieri e di oggi. Le nostre parole chiave: ricerca, formazione, promozione, autonomia, iniziativa.

Vai al sito

Anno di nascita: 1949

FIAP
FEDERAZIONE ITALIANA ASSOCIAZIONI PARTIGIANE


Costituita da Ferruccio Parri azionista comandante partigiano e primo Presidente del Consiglio dell’Italia libera.
La FIAP nasce con l’intento di tenere viva la memoria della Resistenza e in particolare l’esperienza di Giustizia e Libertà, delle brigate Matteotti, del Partito d’Azione, dei socialisti, dei liberalsocialisti, degli anarchici e di tutt i gli indipendenti che nel secondo dopoguerra non si riconoscevano nella logica degli schieramenti internazionali contrapposti. La sede centrale si trova a Milano. Ad essa aderiscono associazioni e circoli che si richiamano ai valori e ai principi che essa difende. Attraverso corsi, convegni, seminari, eventi nelle scuole, percorsi didattici, mostre, F.I.A.P. mantiene vivi i valori della Resistenza, partecipando a ricorrenze legate all’unità e storia nazionali.

Vai al sito

Anno di nascita 1992

FONDAZIONE CARLO DONAT-CATTIN


Costituita su impulso degli eredi di Carlo Donat-Cattin. Soci fondatori, fra gli altri, Franco Marini, Siro Lombardini, don Antonio Mazzi, Giovanni Porcellana, Giovanni Spadolini
La Fondazione è stata giuridicamente riconosciuta con D.M. il 5 /3/1998. Si propone di favorire studi e ricerche sulla storia del pensiero sociale, politico ed economico tra ‘800 e ‘900, specie per quanto riguarda il movimento cattolico e la sua presenza nella società italiana ed europea. L’Archivio ha ottenuto dallo Stato il riconoscimento di interesse storico in quanto “costituisce una fonte di cospicua importanza per la storia delle correnti politiche e sindacali di ispirazione cattolica in Piemonte e sul piano nazionale”. La Biblioteca /emeroteca è specializzata nella storia del pensiero politico cattolico.

Vai al sito

Anno di fondazione: 1978

FONDAZIONE VERA NOCENTINI


Soci fondatori: un gruppo di dirigenti sindacali, intellettuali di docenti universitari tra cui Cesare Delpiano, Dora Marucco, Domenico Sereno Regis, Franco Gheddo, Fredo Olivero e Gianni Alasia
La Fondazione Nocentini propone a studiosi italiani e stranieri un ingente patrimonio costantemente in espansione costituito da fondi bibliotecari, archivistici, audiovisivi e iconografici. Promuove e coordina ricerche sul tema del lavoro, dei movimenti migratori e delle pari opportunità. Organizza seminari, percorsi didattici e di formazione, utilizzando nuove forme di linguaggio e comunicazione.

Vai al sito

Anno di fondazione: 2008

ISMEL
ISTITUTO PER LA MEMORIA E LA CULTURA DEL LAVORO, DELL'IMPRESA E DEI DIRITTI SOCIALI


Soci fondatori: Città di Torino, Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci, Fondazione Vera Nocentini, Istituto di studi storici Gaetano Salvemini
L’Istituto per la memoria e la cultura del lavoro, dell’impresa e dei diritti sociali, nasce a Torino per conservare e valorizzare materiale documentario (fotografie, manifesti, audiovisivi, libri, riviste e documenti d’archivio). Custodisce la memoria storica sul lavoro e sui diritti sociali, rendendola fruibile in chiave attuale, divulgandola con linguaggi innovativi attraverso la didattica e la ricerca a livello nazionale e internazionale.

Vai al sito

Anno di nascita: 1974

FONDAZIONE ISTITUTO PIEMONTESE
A. GRAMSCI TORINO


Fondata da un comitato promotore di 80 intellettuali italiani tra cui Gianni Alasia, Norberto Bobbio, Lucio Libertini, Claudio Napoleoni, Aventino Pace e Paolo Spriano che ne costituiscono il primo nucleo dirigente
Nata con l’obiettivo di divenire un punto d’incontro libero e aperto fra le varie culture della sinistra, attraverso un’intensa attività di produzione culturale sui problemi e sulla storia della società contemporanea, anche nei suoi aspetti regionali e locali. Negli ultimi anni la Fondazione si è specializzata nello studio, divulgazione e patrimonializzazione della storia del movimento operaio e del mondo del lavoro, base fondamentale per l’analisi dei temi critici della società contemporanea (nuove forme economiche, giovani, ambiente, flessibilità).

Vai al sito

Anno di nascita: 1977

ISTITUTO DI STUDI STORICI GAETANO SALVEMINI


Fondato su iniziativa di alcuni storici come Giorgio Spini, Massimo Salvadori e Franco Venturi, dal 1981 è presieduto da Valerio Castronovo
Promuove ricerca e divulgazione su temi di storia contemporanea italiana e internazionale, richiamandosi idealmente a Gaetano Salvemini e al suo storico impegno di intellettuale e antifascista nelle lotte civili e culturali. Possiede un’importante biblioteca specialistica e un archivio politico-sindacale. L’intensa attività di ricerca ha alimentato varie collane editoriali e numerose pubblicazioni.

Vai al sito

Anno di nascita: 1947

ISTORETO
ISTITUTO PIEMONTESE PER LA STORIA DELLA RESISTENZA E DELLA SOCIETA' CONTEMPORANEA G. AGOSTI


Fondato dal Comitato di Liberazione Nazionale piemontese su impulso di Franco Antonicelli e di Alessandro Galante Garrone
L’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della Società contemporanea (Istoreto) possiede un ingente patrimonio bibliotecario e archivistico e opera nell’ambito della sua conservazione e valorizzazione. Svolge attività scientifica e didattica, in collegamento con istituzioni culturali italiane ed europee, e si occupa di ricerca e promozione culturale, ponendo particolare attenzione alla comunicazione e all’utilizzo delle nuove tecnologie.

Vai al sito

Inaugurazione: 2003

MUSEO DIFFUSO DELLA RESISTENZA, DELLA DEPORTAZIONE, DELLA GUERRA, DEI DIRITTI E DELLA LIBERTÀ


Soci fondatori: Regione Piemonte, Provincia di Torino,
Comune di Torino, Ancr, Istoreto
L’allestimento del Museo – “Torino 1938 – 1948. Dalle Leggi Razziali alla Costituzione” -” rievoca la vita quotidiana durante la guerra, la Resistenza e il ritorno alla democrazia, attraverso le immagini, i suoni e le voci dei testimoni, presentati in una originale installazione multimediale. Il concetto di “museo diffuso” sottolinea lo stretto rapporto con il territorio e l’impegno nella valorizzazione dei luoghi di memoria. Partendo dalle vicende di Torino nel periodo del secondo conflitto mondiale, il Museo estende il suo interesse al resto del mondo, al Novecento e alla contemporaneità attraverso un fitto programma di mostre temporanee ed eventi.

Vai al sito

Anno di nascita: 2004

RETE ITALIANA DI CULTURA POPOLARE


Fondato su iniziativa dell’Associazione Teatro delle Forme e dell’Unione delle Province Italiane
La RICP svolge attività di ricerca e progettazione di azioni mirate alla individuazione, tutela, valorizzazione e riproposizione, nel solco della modernità, delle tradizioni e delle diverse espressioni di cultura popolare. L’obiettivo è quello di mettere a sistema le riconosciute diversità che caratterizzano le attività socio-culturali dei territori, lette come luoghi di socialità in cui trasmettere saperi e conoscenze, facendone emergere le relative appartenenze.

Vai al sito

Anno di nascita: 1945

UNIONE CULTURALE FRANCO ANTONICELLI


Fondata da un gruppo di intellettuali antifascisti tra cui Norberto Bobbio, Guido Hess, Francesco Menzio, Massimo Mila e Cesare Pavese
Lungo i suoi settant’anni di attività l’Unione Culturale Franco Antonicelli si è posta l’obiettivo di contribuire alla conoscenza e alla diffusione dei movimenti artistici e culturali italiani e stranieri, con una particolare attenzione ai giovani e ai nuovi cittadini. L’Associazione assume come proprio riferimento la democrazia, l’eredità dell’antifascismo e della Resistenza, la tradizione maturata nel mondo del lavoro e nel movimento operaio.

Vai al sito
Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali. Acquisite le informazioni fornite dal titolare del trattamento ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003, l'interessato: presta il suo consenso al trattamento dei dati personali per i fini indicati nella suddetta informativa.