Pubblicato il 18 ottobre 2017

La mostra Opposti non complementari. Bambini tra passerelle di bellezza e campi profughi apre il programma di iniziative che il Polo del ’900 ha voluto dedicare al tema della violazione dei diritti dell’infanzia, primo progetto integrato che mette insieme idee e competenze di molti tra i diciannove enti partner del Polo.

Una riflessione che parte dal passato, dal Novecento, con il lavoro minorile negli scatti di Lewis Hine, i Bocia delle industrie tessili del Biellese e le Leggi Razziali promulgate dal fascismo che escludevano i bambini dalle scuole italiane, ma che arriva fino a oggi. Se è più facile riconoscere la negazione dei diritti dell’infanzia nelle zone di guerra, nei campi profughi, nelle città bombardate e nei naufragi dei gommoni che ogni giorno solcano il Mediterraneo, ciò che accade nella società del benessere, nel cosiddetto mondo occidentale, appare meno evidente.

Bambini sulle passerelle delle sfilate di moda, in un mondo fatto di trucchi, set fotografici, tacchi alti e riflettori, bambini esposti sui profili social dei genitori o impegnati quotidianamente in attività sportive spesso competitive, catapultati in un mondo di adulti che richiede prestazioni e ritmi per adulti, spesso portati ad esempio come privilegiati, fortunati, da una società che accetta in realtà comportamenti che di fatto negano il diritto all’infanzia.

 

Infanzia negata

 

Dal 19 ottobre al 14 dicembre due mostre, incontri, rassegne cinematografiche e spettacoli teatrali, attività per le scuole e di formazione tratteranno il tema con differenti approcci e diversi livelli di approfondimento per coinvolgere i tanti pubblici del Polo e stimolare una riflessione sui diritti negati dell’infanzia e all’infanzia, ieri e oggi.

Baricentro del programma la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia, il 20 novembre, con l’incontro Il rovescio dei diritti, patrocinato dall’UNICEF.

Contatti:
comunicazione@polodel900.it
+39 348 28 23 457
@ilPolodel900

 

scarica il programma completo delle iniziative

CONDIVIDI: