Pubblicato il 1 gennaio 2018

Giovedì 18 gennaio 2018 Gunter Demnig sarà a Torino per la posa di 8 nuove Pietre d’inciampo (Stolpersteine). Le  installazioni dell’artista tedesco sul territorio cittadino, realizzate per ricordare le vittime della deportazione nazista e fascista, arriveranno così a 93.

Le Pietre d’Inciampo. Il progetto

Il progetto, promosso dal 2015 a Torino dal Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà, che ha sede al Polo del ‘900, in collaborazione con la Comunità Ebraica di Torino, l’ANED – sezione provinciale e il Goethe-Institut Turin, è il primo monumento europeo realizzato dal basso per ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista. Un monumento che marca il territorio con un unico segno universale, diventando parte integrante dell’arredo urbano.

L’artista produce piccole targhe di ottone poste su cubetti della dimensione dei porfidi delle pavimentazioni stradali, che sono poi incastonati nel selciato davanti all’ultima abitazione scelta liberamente dalla vittima. Ogni targa riporta la dicitura “Qui abitava…”: il nome della vittima, la data e il luogo di nascita e quello della morte o della scomparsa. Ogni pietra rappresenta un eccezionale marcatore del territorio con una doppia valenza di conservazione e restituzione alla collettività della memoria storica. Ogni posa è un rito che l’artista compie inginocchiandosi e lucidando la pietra prima di installarla.

Ad attivare la posa sono singoli cittadini, associazioni o istituzioni che possono fare richiesta di una specifica pietra di inciampo. Per portare anche a Torino le Stolpersteine di Gunter Demnig, il Museo ha attivato un servizio di sportello con una duplice funzione: raccogliere le richieste di posa delle pietre, da inoltrare a Gunter Demnig, e fornire informazioni a chiunque fosse interessato al progetto.

Il percorso didattico relativo al progetto Pietre d’inciampo Torino, presentato per la prima volta alle scuole nell’autunno del 2014 e giunto al suo quarto anno di attività, prevede la partecipazione di dieci istituti scolastici torinesi di ogni ordine e grado. Gli studenti vengono coinvolti in diversi appuntamenti finalizzati, da un lato alla ricostruzione della biografia delle vittime cui sono dedicate le pietre assegnate alle scuole. Dall’altro all’ideazione e realizzazione di un piccolo evento di restituzione del lavoro svolto, che sarà aperto alla cittadinanza e ospitato negli spazi del Polo del ‘900 nei giorni successivi al 27 gennaio.

Un progetto di didattica integrata sostenuto dalla Fondazione Polo del ‘900, realizzato anche grazie all’intervento di alcuni degli enti partner, che mettendo a disposizione le loro competenze supportano i docenti e i loro studenti in questo incredibile percorso: l’Istoreto, per il laboratorio di ricerca storica, l’ANCR per quello di cinema e montaggio video, la Rete Italiana di cultura popolare per quello di teatro.

Tutti i prodotti realizzati dalle scuole saranno consultabili sul portale della didattica del Museo: www.didattica.museodiffusotorino.it

Vedi il programma di presentazione dei lavori realizzati dalle scuole.

Segni della Memoria a Torino

Domenica 28 gennaio, in diversi luoghi della città, si svolgerà una visita itinerante con cui gli operatori del Museo Diffuso illustreranno la storia di ciascun luogo e di una pietra d’inciampo. Ognuno potrà scegliere dove recarsi, costruendo così il proprio percorso della memoria, ascoltando testimonianze e storie di luoghi e persone che hanno vissuto il dramma della deportazione durante la Seconda Guerra Mondiale:
Ore 10.00 | Piazza Carlina, di fronte all’hotel NH. L’ex ghetto ebraico e la pietra d’inciampo dedicata a Silvio Segre.

Ore 11.00 | Stazione di Porta Nuova, binario 17. Il luogo di partenza dei convogli per i Lager e la pietra dedicata a Renato Ortona.

Ore 12.00 | Piazza CLN, di fronte all’ex Albergo Nazionale. La sede delle SS a Torino e la pietra dedicata a Filippo Acciarini.

 

Racconta le Pietre d’Inciampo

Nella giornata del 18 gennaio e lungo l’arco del programma delle celebrazioni dedicate al Giorno della Memoria, puoi raccontare le pietre d’inciampo con gli hashtag #GiornodellaMemoria,  #Stolpersteine, #Demnig.

Per informazioni: sito internet www.museodiffusotorino.it/PietredInciampoHome; email pietredinciampo@museodiffusotorino.it, telefono 011 01120785.

 

___

Vuoi conoscere in anteprima gli eventi e le attività del Polo del ‘900? Iscriviti alla newsletter.

CONDIVIDI: