fbpx
La sala lettura in via del Carmine 14 è aperta dalle 10.00 alle 19.00

a a

Allestimenti e mostre

Storie Invisibili

La mostra, visitabile da martedì 21 a venerdì 31 maggio, è stata realizzata grazie al progetto Frame Voice Report! (finanziato dall’Unione Europea e sviluppato in Italia dal COP – Consorzio delle ONG Piemontesi), il cui scopo è quello di sensibilizzare i cittadini sui temi dello sviluppo sostenibile e sulla cooperazione nei Paesi a basso reddito.

Storie Invisibili documenta la situazione dei campi profughi palestinesi, in cui si sono insediati anche i profughi siriani, scappati dalla guerra civile, con storie e racconti di riscatto e dignità. Con la collaborazione dell’Ong libanese BeitAftalAssumoud i giornalisti Luca Rolandi e Andrea Tomasetto hanno realizzato un reportage scritto, fotografico e video in cui sono descritti l’esperienza diretta dei profughi palestinesi e palestinesi-siriani in Libano. “Abbiamo raccontato e ‘portato alla luce’ le cose positive che nascono e vengono realizzate in questi luoghi ‘difficili’: i progetti di sviluppo e riscatto sociale creati da Assumoud per i profughi, che consentono loro di vivere con dignità“.

Libano: storie di resilienza

Home – House of Memory & Engagement

Esposizione delle opere pervenute nell’ambito di Home – House of Memory & Engagement, proposta della Fondazione Istituto piemontese A. Gramsci, un progetto integrato del Polo del ‘900 inserito nel format didattico Polo Creativo.

L’iniziativa, che fa seguito a un analogo concorso indetto nel 2017, è stata pensata con l’intento di avvicinare le giovani generazioni al pensiero e alla figura di Antonio Gramsci, attraverso il loro coinvolgimento diretto: la realizzazione di un’opera d’arte ispirata al grande intellettuale italiano. Le opere esposte verranno valutate sia da una giuria di esperti sia dal pubblico.

Miraggi e realtà

Un progetto promosso dall’Area Salute mentale della Cooperativa Pro.ge.s.t. e dall’Istituto Albe Steiner, in collaborazione con la Fondazione Nocentini. Alcune narrazioni espresse da utenti in carico ai servizi di Salute mentale dei territori Asl Citta’ di Torino e ASL To3 sono state condivise con 3 classi del’Istituto Albe Steiner. Si è così sviluppato un gemellaggio che vede protagonisti giovani pazienti in carico ai Servizi e studenti, trasformando le narrazioni in suggestioni, immagini, fotografie. Il prodotto finale, che vuole contribuire alla sensibilizzazione verso una cultura che sia a favore dell’interazione tra “diversità”, informando la cittadinanza sui temi della salute mentale e contrastando gli effetti dell’esclusione sociale dovuti allo stigma e al pregiudizio, è questa mostra fotografica.

Miraggi e realtà

Allestimento permanente

Torino 1938-1948. Dalle leggi razziali alla Costituzione

Membership

3 tessere, 900 modi di viverle

Sai già cosa cercare o vuoi una mano?