fbpx
La sala lettura in via del Carmine 14 è aperta dalle 10.00 alle 19.00

a a
Blog

Berlino 89. Muri di ieri, muri di oggi

berlino 89

In occasione del trentennale dalla caduta del Muro di Berlino l’Istituto di Studi storici Gaetano Salvemini coordina il progetto integrato Berlino 89. Muri di ieri, muri di oggi per riflettere sui muri di oggi, visibili e invisibili, reali e simbolici.

Da allora molti problemi sono rimasti irrisolti e nuovi se ne sono aggiunti.

Politica, economia, società, cultura, globalizzazione, nuove guerre e poche paci, povertà crescenti e migrazioni epocali, distopie e ucronie che si affacciano su di una inedita scena del mondo e collidono con inquietante vigore, la nuova geopolitica che ribalta le vecchie mappe e non riesce a disegnare le nuove se non segnando nuovi confini spinati di esclusione e di morte. Ricordare il muro di Berlino abbattuto da un pacifico assalto di popolo, a questo dovrebbe oggi servire, a prendere coscienza dei nuovi muri reali e ideali, visibili e invisibili che attraversano di nuovo l’Europa e solcano di barriere alte e profonde gli animi esacerbati delle persone.

MOSTRE
  • Borders _Sul Confine. un viaggio nell’Ucraina di oggi, dal 15 al 25 marzo 2019. Reportage in Ucraina di sedici ragazzi torinesi che attraverso i loro scatti fotografici raccontano il loro viaggio. A cura di Fondazione Nocentini.
  • Krzysztof Miller. Anno 1989. Un racconto per immagini di Krzysztof Miller sulla caduta del Muro e sugli eventi politici dell ’89 a Berlino, in Polonia, Cecoslovacchia, Ungheria e Romania (da mercoledì 18 settembre a martedì 1 ottobre 2019: inaugurazione martedì 17 settembre). A cura di Tiziana Bonomo, con il sostegno del Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Milano, in collaborazione con Fondazione Vera Nocentini, ArtPhotò, Casa di Storia di Varsavia, Agenzia Gazeta.
  • Muri virtuali. Mostra fotografica collettiva di Elena Perlino e Andrea Ciprelli, che si sono occupati rispettivamente di migranti (alcuni suoi lavori si trovano nel volume Maktoub. Islam d’Italia, ed. Cibele) e di rom (in particolare sul territorio torinese). Dal 5 al 27 ottobre 2019.
  • Europe around the borders. Mostra fotografica a cura di Ivano Di Maria e Marco Truzzi. Un viaggio attraverso i confini europei di ieri, ormai punti simbolici dove sopravvivono le tracce di un recente passato, e di oggi, un imponente dispiegamento di recinzioni, forze di polizia e postazioni di sorveglianza. Dal 20 novembre al 1° dicembre 2019 (inaugurazione 20 novembre) a cura dell’Istituto Salvemini.
TEATRO
  • Martedì 14 maggio, ore 21.00 | via Rosolino Pilo 6, Teatro Astra
    Due atti di dissenso
    da un testo di Václav Havel e Pavel Kohout sul tema del dissidente, del mondo che lo circonda, dei conflitti morali della Cecoslovacchia dopo la Primavera di Praga. Replica per il pubblico al Polo del ‘900 mercoledì 27 novembre, ore 21.00.
  • Solitudo. Perfomance di danza di comunità sul tema dei muri, dei confini e delle barriere con la partecipazione di studenti di scuola superiore, precedentemente coinvolti in attività laboratoriali, e di altri cittadini. La performance, a cura della coreografa torinese Doriana Crema, è un percorso di danza di comunità itinerante a partire dalle esperienze di laboratorio. La pratica di comunità culmina con un’azione performativa capace di incontrare via via temi e spazi nuovi, abitati ogni volta da un gruppo stabile di performer che accoglie il pubblico per realizzazioni spontanee e inclusive. Un oggetto accompagna da sempre il lavoro: l’asse di legno, strumento di mediazione tra l’azione del corpo, lo spazio e l’ambiente sonoro, diventando di volta in volta tavola, strumento, peso, appoggio, croce, ponte, bosco, cattedrale (domenica 10 novembre, ore 16.00)
  • Tutto finito! Berlino. Cade il Muro: i confini di una donna, monologo radiofonico della scrittrice Ina Paul “Aus und vorbei!”, tradotto in italiano da Paola Assom. Adattamento teatrale, interpretazione e regia di Paola Tortora – Vintulerateatro. Consulenza storica di Leonardo Casalino. Collaborazione artistica di Marco Gobetti (venerdì 15 novembre, ore 21.00).
MUSICA
  • Due appuntamenti di EstOvest Festival dell’Associazione Xenia Ensemble. Giovedì 7 novembre Così vicino, così lontano con Michele Marco Rossi (violoncello) e Esperance H Ripanti (voce narrante). Giovedì 21 novembre Al di là del Muro. Con Eilis Cranitch (violinista) Liza Wilson (musicista e musicologa) e Giovanni Carpinelli (storico).
  • I muri sono solo idee: a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino. Il duo Nina Simmons (di Davide Vizio e Jacopo Albini) e High Files (di Tommaso Rinaldi), per l’anniversario dell’abbattimento dell’ Antifaschistischer Schutzwall, propongono un’opera d’arte diffusa e praticabile dal pubblico, un happening che stimoli lo spettatore a riflettere sulla storia e che lo porti a viverla e percepirla sulla propria pelle, rendendolo partecipe e attivo in quelle decisioni politiche e sociali di dissenso che permisero a migliaia di persone di riprendere in mano la propria vita. Sabato 9 novembre.
CINEMA
  • Previste due rassegne cinematografiche realizzate dal Polo in collaborazione con l’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza e Film Commission Torino Piemonte. La prima Muri visibili e muri invisibili  (ingresso gratuito fino a esaurimento posti) inizia mercoledì 26 giugno con la proiezione de Il cielo sopra Berlino. Continua domenica 30 giugno con la proiezione di Good Bye, Lenin!; mercoledì 10 luglio con Siamo giovani e forti –  Wir sind jung. Wir sind stark; mercoledì 17 luglio con Le tre sepolture. E si conclude mercoledì 31 luglio con B-Movie. Lust & Sound in West-Berlin 1979-1989. Seguirà una seconda rassegna (mercoledì 9, 16 e 23 ottobre) a carattere più specialistico sugli stessi temi di quella estiva.
  • Giovedì 16 novembre proiezione e dibattito su Good Bye, Lenin! di Wolfgang Becker (2003) presso sede della Società di mutuo soccorso di Druento; presentazione di Donatella Sasso.
  • Rai Archive Alive! Proiezione di un documentario di Rai Storia sugli eventi collegati alla caduta del Muro di Berlino; presentazione di Donatella Sasso (lunedì 4 novembre).

 

Una speciale attenzione è rivolta ai progetti dedicati alla didattica. In collaborazione con Dipartimento Educativo del Castello di Rivoli Museo d’arte contemporanea si terrà un laboratorio di wall paintings, rivolto a bambini e ragazzi e finalizzata alla realizzazione di momenti creativi e performativi da parte dei giovanissimi. A cura delle Biblioteche civiche, invece, si terranno delle letture per bambini.

Inoltre il Polo si fa promotore in collaborazione con l’Istituto Salvemini e la Fondazione Nocentini di un viaggio formativo e didattico fra Danzica e Berlino, destinato a classi di scuola superiore. Un progetto che intende inaugurare una serie di “Viaggi nella memoria del ‘900”, permettendo così agli studenti di associare alla teoria studiata sui libri l’esperienza vissuta in prima persona. Il viaggio partirà da Danzica, città cruciale nella storia dell’opposizione sociale e politica al regime polacco sin dagli anni di Gierek e poi di Jaruzelski con la straordinaria vicenda del sindacato Solidarność, per terminare a Berlino, con tappe intermedie. Tra le visite previste: Centro Europeo di Solidarność (Danzica), Museo della DDR, Museo del Muro e Museo della Stasi (Berlino).
Periodo previsto: marzo 2020; a febbraio due momenti formativi in date da definirsi.

Membership

3 tessere, 900 modi di viverle

Sai già cosa cercare o vuoi una mano?