fbpx
Calendario eventi

Giovanni Giovannini dal lager alla guida della stampa italiana

giovedì 26 Gennaio | 17.00

Giovanni Giovannini dal lager alla guida della stampa italiana, ricordo del Presidente de “La Stampa” e consegna del suo fondo librario al Polo del ‘900.

Intervengono:

  • Alberto Sinigaglia, Presidente del Polo del ‘900
  • Luciano Boccalatte, Vice Presidente Istoreto
  • Gen. Mauro D’Ubaldi, Comandante della Scuola di Applicazione d’Arma a Torino
  • Gianni Oliva, Storico

Con la partecipazione della figlia Barbara Giovannini.

Giovanni Giovannini, uno dei protagonisti del giornalismo italiano del secondo ‘900, l’8 settembre 1943 era caporale tra i soldati italiani di stanza nella Costa Azzurra occupata. Lasciate senza direttive, anche quelle truppe furono disarmate e deportate nei Lager tedeschi. Comincia così il calvario di centinaia di migliaia di nostri soldati, sottufficiali e ufficiali, quegli “Internati militari” che la legge istitutiva del “Giorno della Memoria” esplicitamente ricorda con le vittime della Shoah. Giovannini annotò su un quaderno nero fatti e persone di quell’esperienza sino alla Liberazione e al ritorno in Italia. Decise di renderlo pubblico solo alla fine della sua grande carriera di inviato speciale della “Stampa”, poi vicedirettore, presidente dell’editrice, presidente della Fieg (Federazione italiana editori di giornali), presidente della Federazione internazionale degli editori, fondatore di Media Duemila, il primo a promuovere in Italia le nuove tecnologie quale strumento di informazione.

L’Istituto Salvemini, al quale Barbara Giovannini, ha affidato il fondo librario e archivistico del padre, nel Giorno della Memoria con la presentazione del “Quaderno nero” onora la sua memoria e la memoria degli Internati militari italiani, molti dei quali non tornarono.


Con il sostegno di

L’evento è inserito tra le iniziative che il Polo del ‘900 e gli enti partner dedicano al Giorno della Memoria 2023 nell’ambito della programmazione della Città di Torino.

Newsletter

Iscriviti!